Sanremo e la notte della Pigna

Per curiosità ho cercato “Sanremo” su Google, per vedere cosa avrebbe suggerito  il completamento automatico. Non è uscito granché, mi aspettavo più termini, tra cui di certo “festival”, “casinò”, se proprio “riviera dei fiori”… se è indubbio che la città più popolosa della provincia di Imperia è conosciuta, tra le varie cose, per il festival, per la corsa ciclistica e per il suo iconico casinò, Sanremo ha anche qualcosa di meno noto al grande pubblico, ma che per me ha un fascino maggiore di tutti gli altri punti di forza finora citati messi insieme: la Pigna.

La Pigna è il quartiere storico di Sanremo, la sua anima più antica, pittoresca e scenica. Definirla “centro storico” è comunque riduttivo, la Pigna è una vera e propria città nella città, un densissimo concentrato di case colorate e vicoli in salita entrambi accatastati le une sopra gli altri, annodandosi intorno alla collina su cui sorge in una forma che ricorda il frutto dell’abete, da cui il nome del borgo.

Girare per la Pigna significare fare trekking urbano, dove i sentieri sono sostituiti dai ciottoli delle stradine. Di giorno ci si trova davanti una cittadina nascosta e sonnecchiante, poche persone in giro, finestre chiuse e panni stesi, e scalinate vuote. Non si contano gli scorci creati dagli spazi tra una casa e l’altra, gli archi sotto ai quali si passa, i lampioni incastrati nel muro e le piante che danno un tocco di verde a balconi e angoli di strada.

42 41

E di notte? beh, ogni notte ha la sua storia… io ne racconterò una in particolare, un’avventura che ho avuto la fortuna di vivere quasi per caso e che rientra tutt’oggi tra i miei eventi folkloristici preferiti. La Pigna per un weekend è stata infatti resa protagonista della città, con una serie di spettacoli musicali e teatrali.

Parlare di “notte bianca” è ingiusto e insufficiente, l’intera Pigna è diventata un teatro a cielo aperto e il palcoscenico poteva essere una scalinata, uno spiazzo o un’arcata; musicisti, attori e comici si ritagliavano il loro spazio sotto un lampione o in cima ad una scala, e il programma della serata per il pubblico lo dettava il proprio istinto: svolta a destra, si finiva ad un concerto, giro dall’altra parte, ci si ritrovava ad uno spettacolo di poesia.

E la cosa più bella del ricordare questa sera è poter raccontare, senza inventarsi nulla, che cosa è stato un giro notturno per la Pigna, parlare di cose inusuali e mai viste altrove e dovere attingere esclusivamente dai ricordi e non dalla fantasia.

Ma rifacciamolo pure, questo giro per la Pigna di notte. Sotto un arco un gruppo si esibisce con violino e fisarmonica, non c’è l’orchestra dell’Ariston, ma preferisco di gran lunga questo palcoscenico al teatro. Stessa cosa per la grotta in cui un uomo racconta le sue storie in dialetto.

17 23

Risalendo per vicoli popolati solamente dai gatti, e fiocamente illuminati dalle lampade, si arriva in una piazzetta dove delle lavandaie sono arrabbiate coi loro uomini, che passano l’intera giornata al bar mentre loro lavorano.

15 28 

Si scendono pochi gradini, e una dama attende alla luce di una torcia di fare della scalinata su cui sta il suo palco, mentre più indietro, inosservata, sta una nera figura che sorveglia silenziosamente la zona. Strega amica dei gatti che girano per il borgo? arcana presenza dei tempi passati, che si incontra solo di notte e al mattino dopo è scomparsa? nera signora che guarda qualcuno con malignità? : ) non dico neanche il ruolo che ha avuto nella serata, mi piace questa foto carica di mistero che racchiude in sé l’atmosfera di quella serata.

32

Serata in cui poteva capitare di tutto; proiezioni sulle facciate delle case, momenti di silenzio in vicoli deserti, spettacoli all’incrocio di due vie alla sola luce di una torcia… la struttura della Pigna doveva difendere la città dagli attacchi, da qualche parte a Sanremo c’è una palla di cannone ancora conficcata in un muro, ma in questa ideale notte di festa non ci sarebbe stato posto per i pirati – solo divertimento, spettacoli, magia e un tuffo in una realtà alternativa, che al mattino sarebbe scomparsa per ripresentare la “solita” Pigna, tranquilla e nascosta dal resto di Sanremo… ma quanto sembrava lontano il mattino quando tutto il quartiere era un teatro in festa!

16 40

Dopo quella bellissima serata, in cui una normale passeggiata si è trasformata in un’esperienza unica, sono ripassato qualche altra volta per Sanremo e per la Pigna, e anche se è sempre bello aggirarsi per questi coloratissimi vicoli, ovviamente il ricordo andrà sempre a quando, nella misteriosa ed elegante veste fornita dalla notte, ho ammirato questo quartiere diventare nuovamente il fulcro vitale della città e arte, musica e poesia fondersi elegantemente con strade strettissime, antiche scalinate e pareti scrostate per un tipo di spettacolo che spero di rivedere anche in altre parti d’Italia, essendo innumerevoli i borghi o le parti storiche di una città che possono venire valorizzate con iniziative simili.

E riguardo a Sanremo, lascio a chi le desidera le notti del festival all’Ariston… io preferirò sempre la notte in cui la Pigna si è trasformata per rivelare tutto il suo fascino e la sua antica bellezza : )

11 22

 

 

Annunci

4 pensieri su “Sanremo e la notte della Pigna

  1. Sì, sono bellissimi posti, poco conosciuti, forse, perché in molti conosciamo Sanremo, in pochi i suoi dintorni. Spesso nemmeno i rivieraschi, come me, ne sanno molto. Grazie per queste belle informazioni, potrebbe essere utili…

  2. A me piace molto questa “anima nascosta” della Liguria… la Liguria ha il mare e ovviamente basta quello per attirare un sacco di persone, ma appena ci si gira dall’altra parte si scoprono borghi e centri storici affascinanti e ignoti al turismo di massa… una delle prossime volte voglio parlare appunto di borghi come Apricale, Dolceacqua, Vallecrosia, tanti piccoli gioiellini a 10 KM dal mare : )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...