Il mare d’inverno

I teatri e i locali con musica dal vivo sono luoghi tanto pieni durante gli eventi quanto vuoti a concerto o esibizione conclusa. Uno va a teatro non per vedere il teatro, ma per lo spettacolo che vi si svolge… ma quanti hanno la curiosità di vedere dietro le quinte, scoprire cosa accade dietro il palcoscenico, girare tra le poltrone e le sale vuote e godersi quella particolare atmosfera del locale o del palco vuoto?

In senso turistico questa voglia di guardare dietro le quinte si può manifestare nell’andare in montagna fuori dal periodo natalizio o estivo, girare per un centro storico di sera dopo che bancarelle e negozi sono stati chiusi, o appunto nel visitare d’inverno il posto più “estivo” che ci sia – il mare.

Il mare d’inverno è il palcoscenico vuoto a cavallo tra un’estate ormai ricordo e un’altra che è solo futuro desiderio, è un mondo visto con colori diversi, è un’oasi di tranquillità anche se il mare è spesso in burrasca… ed è bellissimo.

IMaGo0255

Sparito l’opprimente calore estivo, svanite le masse di turisti e la cacofonia di suoni che portano, rimangono i borghi e i paesi che sul mare si affacciano, e ovviamente il mare stesso, mai uguale nel suo continuo alternarsi di onde alte e di nuvole che a volte nascondono e a volte regalano l’impetuoso sole del tramonto, offrendo ogni volta un panorama diverso.

Ritengo la Liguria un posto bellissimo da visitare in ogni momento dell’anno, ma particolarmente adatto per godersi il mare anche a Gennaio o Febbraio; l’asprezza della stagione ben si unisce a quella del territorio, di questo lembo di terra incastrato tra i monti e il mare, dove bisogna inventarsi coltivazioni a terrazze, guadagnare centimetri con scale (…e interi paesi) a chiocciola, far saltare fuori in qualche modo dietro una piccola porta di un ristorante spazio per molte persone, quasi che fosse stata scoperta la formula magica per allargare gli spazi quando si hanno a disposizione pochi centimetri.

Bordighera, nella Riviera dei Fiori, si riposa in riva al mare col suo ampio lungomare deserto. C’è spazio per passeggiare, andare in bici, godersi la spiaggia di sassi vuota e ascoltare meglio il rumore delle onde. La sua zona storica, Bordighera Alta, anche d’estate è più tranquilla e isolata, giusto di sera i tanti ristoranti allungano i loro tavolini sulla piazzetta e nei vicoli; questo non accade fuori stagione e quindi il borgo è lì, silenzioso, illuminato solo dalla fioca luce dei lampioni, pronto per essere esplorato senza distrazioni e potendosi anche scordare l’epoca esatta in cui ci trova, in queste antiche stradine fermate nel tempo.

.IMG09 IMG79

Per quante bellezze ci siano in Liguria, saranno sempre i suoi borghi antichi ad attirarmi più di qualsiasi altra cosa, come Dolceacqua, a pochi chilometri da Bordighera. Qui inverno o estate non fanno differenza, anche durante il giorno le luci nel borgo sono sempre accese, tanto le stradine sono seminascoste alla luce del sole nel loro avvitarsi in salita fino al castello che domina tutto l’antico paese, una vista immortalata anche da Monet che ha dipinto più di un paese in queste zone.

Per strano che sia è d’estate, però, che consiglierei di visitare questi borghi (come l’altrettanto stupenda Apricale, o la Pigna della vicina Sanremo, già più attiva degli altri posti anche fuori stagione), in modo da cogliere ancora di più la differenza che c’è tra la frenesia della costa e il distacco assoluto dal tempo corrente che si assapora in questi borghi fatti di tante case antiche e pochissime persone.

IMG13 IMG32

Perchè alla fine essere al mare d’inverno è una sorta di distacco; dalla quotidianità della città, dal modo in cui di solito si vive il mare, anche da se stessi. Si assapora la calma dei posti semivuoti, condita magari da un senso di curiosità nel vedere il tutto in una vesta diversa (Quanti incontri e amori fugaci accadono d’estate… ecco quindi, dopo la passione estiva, come vede il panorama e come vive il posto giorno dopo giorno la ragazza frequentata solo per due settimane, quando il sole era caldo e le giornata sembravano infinite), e concentrarsi di più sui piccoli dettagli che possono sfuggire quanto l’obiettivo principale è rilassarsi durante le proprie vacanze e fare il bagno per combattere la calura.

Passano così le giornate al mare d’inverno… di mattina il sole spesso splende e invoglia a stare in riva al mare, coccolati da temperature che ci si sogna nelle umide città; di pomeriggio la luce inizia a farsi debole e delicata, regalando tramonti a volte rarefatti e a volte impetuosi e infuocati, e di sera i venti marini ti chiamano, nel silenzio della notte in cui si sente solo il rumore delle onde – camminare lungo il mare senza nessun altro in giro con a disposizione un anfratto buio della spiaggia dove alzare lo sguardo e vedere così tante stelle come mai se ne è viste in città è un’esperienza che tutti dovrebbero avere una volta o due.

IMG48

Non saranno le più popolari, ma le esperienze che si possono avere al mare d’inverno sono anch’esse memorabili. Qualcuno storcerà il naso all’idea di vedere il mare a Gennaio invece che ad Agosto, ma a volte bisogna fare la scelta meno scontata, isolarsi un attimo, lasciare che sia il mare ad essere in burrasca mentre quella interiore si calma. Sensazioni brillantemente raccolte da Davide Van De Sfroos nella sua canzone Brèva e Tivàn:

Salto sull’onda e poi mi lascio andare
Lo so che tra poco inizia a tempestare
E so che sulla riva sono là tutti a pregare
Mi prendono per un matto che vuole solo annegare

Ma ormai sono qui, in mezzo al temporale
Toglietevi dalle scatole che a me piace così

IMaGo0261

Annunci

2 pensieri su “Il mare d’inverno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...